Università del Salento

Collegamenti ai contenuti della pagina:
unisalento-theme-il-contenuto-pagina
Il menu di navigazione
Motore di ricerca
Area Riservata
Accessibilità






unisalento-theme-contenuto-della-pagina [Inizio pagina]

SBOCCHI OCCUPAZIONALI

Il Corso di Laurea di Biotecnologie intende formare figure professionali con una buona conoscenza dei meccanismi molecolari e cellulari che sono alla base del funzionamento dei sistemi biologici e delle principali metodologie utilizzate nei diversi ambiti delle biotecnologie. Non prevede, pertanto, un’articolazione in curricula o orientamenti legati a specifici ambiti biotecnologici, ma piuttosto intende formare laureati con una solida preparazione di base e buone competenze tecnico-operative. Pur consentendo un accesso diretto al mondo del lavoro, prioritariamente intende favorire l’accesso a successivi percorsi di studio.

Il Laureato in Biotecnologie sarà in grado di svolgere ruoli tecnici e operativi in diversi ambiti delle biotecnologie. In particolare, sarà in grado di applicare protocolli volti ad analizzare, gestire, utilizzare e modificare organismi viventi e loro costituenti per ottenere prodotti e risultati non raggiungibili con le tecniche tradizionali.

Il Laureato in Biotecnologie avrà competenze tecnico-operative in diversi ambiti delle biotecnologie, quali ad esempio l’ambito industriale, biomedico, agro-alimentare e ambientale. Avrà familiarità con il metodo scientifico d’indagine e la capacità di applicarlo con adeguata conoscenza delle problematiche normative ed etiche.

I principali sbocchi occupazionali previsti dal corso di laurea riguardano attività produttive e tecniche nel campo applicativo delle biotecnologie come laboratori (biomedico, industriale, agro-alimentare e ambientale, enti pubblici e privati di ricerca e di servizi) e servizi a livello di analisi, controllo e gestione; in tutti quei campi pubblici e privati in cui si debbano analizzare, gestire, utilizzare e modificare organismi viventi e loro costituenti; nei laboratori di produzione di molecole bioattive, farmaci e cosmetici; nei laboratori delle aziende sanitarie per la diagnostica molecolare e la terapia cellulare.
I Laureati triennali in Biotecnologie (classe L-2), sulla base del DPR n. 328/01 e del DM n. 386 del 26 luglio 2007, possono iscriversi, previo superamento dell'Esame di Stato, alla sezione B (junior) dell’Albo professionale dei Biologi, e alla sezione B (Biologo junior) dell’Albo professionale dei Dottori agronomi e dei Dottori forestali. Possono, infine, conseguire la qualifica di Perito agrario Laureato e di Agrotecnico Laureato, previo praticantato e superamento dell'Esame di Stato.